Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visualizza l'informativa privacy

La Tecnologia del DOPPIO STRATO

La tecnologia del doppio strato è quella più tradizionale, antica e diffusa ed ha caratterizzato la mattonella dalla sua nascita sino ad oggi.
Caratteristica peculiare di questa tecnologia è la pressatura contemporanea nello stampo della pressa della parte umida, strato a vista o primo strato,e della parte secca, sottofondo o secondo strato.

Durante la pressatura l’acqua della parte umida si trasferisce nella parte secca dando con la pressatura consistenza alla mattonella, ancora fresca, che può essere appoggiata su appositi supporti per la stagionatura.
Lo strato a vista è la parte nobile della mattonella. E’ costituito da un impasto umido di cemento, inerti e granulati di pietre varie che andranno a determinare la parte visibile e creativa con varie combinazioni di pezzature e colori del pavimento.

Il sotto fondo è costituito da una miscela di sabbia e cemento semisecca, di costo molto ridotto che serve ad assorbire l’acqua del primo strato. Dopo la pressatura farà corpo unico col primo strato conferendo alla mattonella ulteriore robustezza.
Una volta stagionate, le mattonelle potranno essere sottoposte ai vari tipi di lavorazione richiesti, quali calibratura, levigatura, lucidatura, sabbiatura, bisellatura, impregnazione ecc... , in linea completamente automatica o con macchine e soluzioni più semplificate.
Le destinazioni delle mattonelle con tecnologia doppio strato sono sia gli spazi coperti (interni), sia le aree aperte, (esterni come piazze, portici, marciapiedi ecc), dove mediante l’aumento degli spessori costruttivi sono adatte anche per il passaggio di mezzi pesanti.


Layout di un Impianto Doppio Strato

layout di un impianto doppio strato


LEGENDA

1- GR4A - 1° Strato
2 - GR2B - 2° Strato
3 - Pressa
4 - Ribaltatore Mattonelle Fresche
5 - Impianto Automatico Mod. Linear S
6 - Carrello Automatico
7 - Locale Caldaia
8 - Impianto Automatico Mod. Linear S
9 - Rulliera Smistatrice
10 - Ribaltatore
11 - Calibratrice 3002
12 - Ribaltatore
13 - Deviatore Angolare
14 - Levigatrice 3010
15 - Rulliera
16 - Lucidatrice Mod T12 Swing
17 - Deviatore Angolare
18 - Bisellatrice
19 - Asciugatrice
20 - Forno di Riscaldamento
21 - Deviatore Angolare
22 - Ceratrice
23 - Trasportatore a Cinghie
24 - Trasportatore a Cinghie
25 - Deviatore Angolare
26 - Sabbiatrice + Filtro
27 - Deviatore Angolare
28 - Trasportatore a Cinghie
29 - Deviatore Angolare
30- Palettizzatore Automatico

Copyright